Google Traduttore: dopo Inchallah altre temibili traduzioni. Messaggi per l’Italia?

Google Translate, il noto servizio di traduzione automatica, è sotto attacco? Nelle ultime ore sono sempre più numerose le parole che trovano una traduzione alquanto discutibile: è ormai noto a tutti che il sito offre una traduzione alla parola e quindi non ottimale e spesso alcune frasi sono sconnesse e senza senso ma quello accaduto su Google traduttore dopo i recenti attentati a Parigi, fa mal pensare.

Nella giornata di ieri, lunedì 16 novembre, scrivendo in italiano “Ci rivedremo presto” la traduzione in qualsiasi altra lingua diventava “Inchallah”, parola araba che sta per “sia fatta la volontà di Dio“. Google ha prontamente risolto ma nel giro di poco tempo sono uscite nuove traduzioni errate: “Allah non è grande” in inglese diventava “Allah is great” mentre in queste ultime ore ne sono uscite di nuove e ancora più temibili. Se provate a scrivere “Ci sarà pace” la traduzione inglese diventa “There will be no peace” che ha l’opposto significato così come “Non ci saranno più attentati” diventa “There will be more attacks”.

Casualità o avvertimenti? Attendiamo una comunicato di Google che chiarifichi la situazione.

google-translate-2

google-translate-1

 

Advertisements