WeWorld Onlus ed il sostegno a distanza

Nel mondo sono più di otto milioni i bambini che giornalmente soffrono la fame e sono a rischio mortalità per comuni malattie. Tutto questo perché non hanno cibo sufficiente e non sono vaccinati. Qualcosa può cambiare, ad iniziare da noi stessi che con piccole donazioni possiamo garantire loro un futuro migliore.

Come fare? Grazie alle adozioni a distanza di WeWorld Onlus, un’associazione senza scopo di lucro che opera sia in Italia che nel sud del Mondo per assicurare a bambini e donne i loro diritti oltre a garantire istruzione, salute e protezione da violenze e abusi. La WeWorld Onlus ha scelto, come principale strumento di raccolta fondi, il sostegno a distanza: con una donazione di solamente 24 euro, potremmo garantire la salute di base e l’educazione sia del bambino che della comunità che lo circonda.

foto2

La donazione non solo permetterà di dare un concreto aiuto ma darà la possibilità di creare un legame tra sostenitore e bambino: il sostegno a distanza, infatti, prevede la ricezione di una foto del bambino adottato a distanza con tutti i suoi dati come nome e luogo dove vive, oltre alle informazioni sul paese e sul progetto che stiamo sostenendo. Ogni anno, chi donerà, riceverà inoltre una foto aggiornata del bambino oltre ad un suo disegno, che si andranno ad aggiungere alla rivista e al report annuale dell’associazione.

Il sostenitore potrà quindi stringere un forte rapporto con il bambino e potrà sia scrivergli che andare a trovarlo nella sua città, per rafforzare ancora di più il legame che si andrà a creare. Sul sito weworld.it sono numerose le testimonianze dei sostenitori: da Elisa, ragazza che ha adottato a distanza un bambino brasiliano di nome Samuel, a Mirco che con la sua famiglia si è recato in Cambogia ad incontrare Vicheka, il bimbo che sostengono a distanza.